I primi segnali della gravidanza, il bambino ci avvisa della sua presenza

I primi segnali della gravidanza, il bambino ci avvisa della sua presenza

Da subito il bambino segnala la sua presenza al corpo materno, alle ovaie e all’ ipofisi, modificando la produzione ormonale materna e alterando le regole del suo ciclo mestruale.


Il corpo della donna, in gravidanza, si manifesta con il suo incredibile potenziale di trasformazione e creazione. Ma i cambiamenti fisici materni sono sempre accompagnati da cambiamenti emotivi e relazionali: ecco perché la gravidanza è il gratuito corso di formazione che prepara a 360° la mamma ad accogliere il suo bambino, per imparare l’accudimento, il prendersi cura.

Nel momento in cui il bambino si poggia sulla mucosa uterina materna e incontra la madre annuncia:

“Ehi fermi tutti, qui ci sono io!”.

 E’ lui che innesca il processo di trasformazione, come se infilasse un ditino nel meccanismo e questo si bloccasse improvvisamente.

Come un seme, il bambino si nutre sottoterra, fino a quando, nella giusta stagione, farà capolino dal terreno materno, forte e sano, e annuncerà al resto del mondo la sua presenza.

Il primo trimestre si svolge nel segreto della pancia della mamma, tra le pieghe della mucosa uterina. Solo a partire dal secondo trimestre, quando il bambino ha costruito le solide basi del suo primo nido, grazie alla sua placenta, la gravidanza si manifesta agli altri e si intravede sotto i vestiti materni, il grembo materno.

Il bambino, manifesta la sua presenza alla madre, chiedendole di rallentare i suoi ritmi affinché possa fornire le energie necessarie al movimento creativo del bambino. La mamma, spesso, le prime settimane sentirà il bisogno di riposare di più, di dedicare più tempo a se stessa e a ciò che la fa stare bene.

Questo tempo che improvvisamente si dilata, permette alla donna di mettersi in ascolto di ciò che vive, di come sta, di cosa cambia, di cosa ha bisogno per star bene.

Inizia la creazione del nido fisico ma soprattutto emotivo per il bambino.

1 trimestre di gravidanza

Se ti è piaciuto il mio articolo, CONDIVIDILO grazie!

Lascia un commento